L’iniziativa della sezione ITALIA NOSTRA Elba/Giglio di ospitare ad una degustazione di prodotti elbani, i partecipanti alla passeggiata alle dune di Lacona, il 2 maggio u.s., e’ stata molto apprezzata dai numerosi amanti dell’ambiente e dell’isola d’Elba, provenienti da diverse regioni d’Italia, della Svizzera e della Germania.
Occasione particolarmente significativa per Italia Nostra, per far conoscere meglio gli obiettivi e i progetti della nostra sezione Elba / Giglio e ricordare che proprio 20 anni fa, dopo una difficile battaglia pacifica con vittorioso ricorso al TAR, riusci’ Italia Nostra insieme ad altre associazioni ambientaliste a sventare il folle progetto di costruzione gia’ in corso proprio sulle dune di Lacona.
Le dune che, con una ricchissima biodiversita’ hanno affascinato gli oltre 20 partecipanti alla passeggiata, tra neofiti, amanti ed esperti in botanica, senza l’intervento dei primi ambientalisti di Italia Nostra Isola d’Elba, sarebbero oggi scomparse e sommerse dal cemento.
Nonostante l’habitat ostile per venti, salmastro, aridita’ e il continuo movimento del terreno di sabbia, le dune riservano meravigliose sorprese della natura, in questo momento anche in fiore, che i presenti hanno potuto osservare e fotografare da vicino, con grande passione e rispetto per l’ambiente.
Alla fine della passeggiata, come annunciato nel programma del Festival del camminare, Italia Nostra ha invitato i partecipanti ad una degustazione di vini di uve rigorosamente provenienti da Lacona (produzione Tallinucci) e di piatti originari dell’isola d’Elba, introvabili nei ristoranti e ormai rari persino sulle tavole delle famiglie elbane.
La „frittata di tranapecori“ e la „frittata di fave“,come pure i vini di produzione propria, cortesemente preparati ed offerti per Italia Nostra dai Signori Manuela e Lido Tallinucci, hanno meritato l’interesse ed il gusto dei numerosi presenti.<
A nome di tutta la sezione di Italia Nostra Elba/Giglio ringraziamo i Signori Tallinucci per l’esemplare e generosa ospitalita’, propria della tradizione elbana di una volta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenti sul post